Blue Flower

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

 RSU CONTRO LA RIFORMA

 

FORNERO SULLE PENSIONI

 

Siamo un gruppo di RSU (Rappresentanze Sindacali Unitarie) che ha deciso di mobilitarsi per costruire un movimento di massa e unitario per abrogare la legge Fornero sulle pensioni in modo da ottenere una riforma della previdenza che sia equa dal punto di vista sociale e rispettosa dei diritti dei lavoratori.

 

Ci siamo attivati direttamente come RSU perché riteniamo che le nostre Organizzazioni Sindacali, a suo tempo, non abbiano contrastato con la necessaria decisione la controriforma Fornero: ci rivolgiamo anche a loro affinché si rendano conto delle profonde ingiustizie sociali dell’attuale sistema previdenziale e diano avvio ad una mobilitazione generale finalizzata al superamento dell’attuale modello.

 

 Della controriforma Fornero, in particolare, riteniamo necessario intervenire su:

 

  • Età pensionabile. E’ una vergogna l’ulteriore allungamento di questa (dai 66 anni in su, ben presto verso i 70 !): proponiamo di ripristinare la pensione con l’anzianità contributiva di 40 anni o l’accesso alla pensione di vecchiaia con 60 anni;

  • Valore delle future pensioni. Le prossime pensioni saranno a livelli da fame (meno del 50% dell’ultimo stipendio). Per questo va ripristinato un meccanismo che tuteli il valore delle future pensioni che devono essere adeguate a sostenere il costo della vita;

  • Disoccupati, i licenziati, i precari a cuivanno garantiti i diritti sociali avendo avuto storie lavorative sfortunate per cui hanno perso periodi contributivi non certo per colpa loro;

  • Va riformato l’INPS: facendone uno strumento dei lavoratori; facendo chiarezza sui conti (il fondo dei lavoratori dipendenti è sempre in attivo; sono altri fondi, come quello dei dirigenti, a determinare i disavanzi) ed eliminando privilegi come le pensioni d’oro.

 

Dopo aver avviato la mobilitazione dei lavoratori attraverso una petizione popolare e assemblee territoriali, la nostra lotta continua: invitiamo tutte le lavoratrici e i lavoratori a partecipare al