Blue Flower

 

OLTRE 800MILA FIRME PER LA PETIZIONE CONTRO LA GUERRA

 CHANGE.ORG

APPELLO ANCHE A ITALIA AFFINCHÉ FERMI VENDITA ARMI

 

Si chiama Hamza, ha nove anni e in un video pubblicato su Youtube descrive la drammatica situazione nello YEMEN, lanciando un accorato appello alla comunita' internazionale: "Ci pensate che ogni dieci minuti un bambino come me in YEMEN muore di fame? Ieri passeggiando per le strade ho visto dei bambini che mangiavano dalla spazzatura perchè erano affamati".

A riportare questa vicenda, che risale ormai a un anno fa, e' la piattaforma per le petizioni online Change.org in una nota.

Il video-appello di Hamza e' infatti stato usato da un utente per lanciare una petizione, per sollecitare un intervento risolutivo al ministro della Difesa degli Emirati Mohammed bin Zayed Al Nahyan, al ministro per gli Affari esteri saudita Adel bin Ahmad al-Jubayr e al portavoce degli Houthi Mohammed Abdul Salam, vale a dire i rappresentanti delle parti in guerra. Con l'avvento del nuovo governo, ora la petizione si rivolge anche al ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio. L'iniziativa ha superato le 800mila sottoscrizioni.

Hamza un anno fa attraverso Youtube ha detto: "Come regalo di compleanno, mi piacerebbe chiedere a tutti voi amici in giro per il mondo di saltare un pasto al giorno per tre giorni per aiutarmi a fermare la carestia e la guerra in YEMEN. Inviate il vostro tweet con la foto di un piatto vuoto e l'hashtag #fastactionforYemen". L'hashtag, in inglese, ha un doppio significato: quello di chiedere un'azione "veloce" (in inglese "fast") per lo YEMEN, ma anche invitare al digiuno ("fasting").

Attraverso la sua petizione, Hamza chiede anche che si ponga fine alla vendita di armamenti a danno dei civili: una questione, ricorda Change.org, ancora aperta e irrisolta per l'Italia, che adesso viene posta all'attenzione del nuovo esecutivo. Change.org Italia ha pubblicato sul proprio profilo Twitter ufficiale le immagini di altri bambini e adulti yemeniti, tutti con i piatti vuoti, che si sono uniti all'iniziativa #FastActionForYemen.