Blue Flower

 

Nella notte fra il 4 e il 5 aprile 2018 il Supremo Tribunale Federale/STF con una maggioranza di sei a cinque per il voto determinate della presidente in esercizio ministra Carmen Lucia ha negato all’ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva il diritto costituzionale( art. 5, comma57) di presunta innocenza e quindi di habeas corpus prima della sentenza penale condannatoria in tutti i livelli giudiziari. Lula infatti è stato condannato, senza prove, in seconda istanza e ha ancora diritto di appellarsi a ulteriori livelli giudiziari. Si tratta di una sentenza ad personam, una giustizia di eccezione. Il STF nel prossimo futuro intende esprimersi sulla questione generale dell’habeas corpus durante l ’iter processuale penale.

Come prima informazione si traduce il comunicato della Commissione esecutiva del PT/ Partito dei lavoratori. T.I.

 

Oggi è un giorno tragico per la democrazia e per il Brasile

 

La nostra Costituzione è stata stracciata da chi avrebbe dovuto difenderla e la maggioranza del Supremo Tribunale Federale ha sanzionato una ulteriore violenza contro il maggiore leader popolare del paese, l’ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva.

Nel negare a Lula il diritto, che è di ogni cittadino, di difendersi in libertà fino alla ultima istanza, la maggioranza del STF si è inginocchiato davanti alla pressione orchestrata in modo scandaloso dalla Rete Globo.

E nel condizionare il processo di habeas corpus di Lula, prima di valutare le azioni che ristabiliscono la presunzione di innocenza come regola generale, la presidente del STF ha determinato una procedura di eccezione.

Questo diritto fondamentale, che fatalmente tornerà a valere per tutti, oggi non è valso per Lula.

Non c’è giustizia in questa decisione. C’è una combinazione di interessi politici ed economici, contro il paese e contro la sua sovranità, contro il processo democratico, contro il popolo brasiliano.

La Nazione e la comunità internazionale sanno che Lula è stato condannato senza prove, in un processo illegale in cui giudici notoriamente parziali non sono neppure riusciti a caratterizzare il compimento di un crimine.

Lula è innocente e questo sarà proclamato in un processo giusto.

Il popolo brasiliano ha dirittodi votare per Lula, il candidato della speranza. Il PT/Partito dei lavoratori difenderà questa candidatura nelle piazze e in tutte le istanze, fino alle ultime conseguenze.

Chi ha la forza del popolo, che ha la verità dalla sua parte, sa che la Giustizia ancora prevarrà.

Commissione Esecutiva Nazionale del PT

5 aprile 2018

(Fonte: www.pt.org.br, traduzione di Teresa Isenburg)