Blue Flower

Adesione al Corteo del 27 Maggio 2017 a Taormina

Il 26 e 27 Maggio a Taormina i 7 grandi si incontreranno – ufficialmente – per discutere di sicurezza delle città e migrazioni. In realtà, occasioni come queste – già a partire dalla loro localizzazione – stanno lì a dimostrare l’incapacità di gruppi informali anche solo di riconoscere i conflitti e le contraddizioni che attraversano il mondo. 

Anzi, sempre di più i Governi – fisicamente blindati dietro impressionanti sistemi di sicurezza – si attivano per diffondere politiche autoritarie e razziste, per impoverire i lavoratori e ricattare le nuove generazioni, a vantaggio di un sistema che espropria la ricchezza sociale a favore di rendite, speculazioni e privilegi privati.

Tutta la retorica neoliberista - che negli ultimi vent’anni ha fatto da cornice ideologica ad un immane trasferimento di risorse dal lavoro al capitale – troverà nella riunione dei 7 grandi un nuovo momento di rilancio della sua colossale mistificazione: il concetto di sicurezza quindi non deve relazionare col diritto alla salute, all’istruzione o al lavoro, ma subisce una torsione che ne fa uno strumento di guerra ai migranti, ai lavoratori e al dissenso.

I 20 milioni di disoccupati in Europa, il dilagare dei lavoratori poveri, le forme di sfruttamento delle persone attraverso contratti precari e lo smantellamento delle forme di protezione sociale: queste sono le vere emergenze che i “potenti” dovrebbero affrontare.

Per queste ragioni Democrazia e Lavoro”CGIL aderisce al corteo del 27 Maggio (partenza da Giardini Naxos – Terminal Bus di Recanati, h. 15,00 - Taormina), per contribuire a rappresentare l’urgenza di una società diversa, più giusta e più uguale.

 

22 maggio 2017